Ma quante volte a settimana devo allenare lo stesso muscolo? Ecco perché questa domanda non ha senso.

di | Dicembre 16, 2016

EsercizioQuesta è la classica domanda che mi arriva (al massimo dopo due o tre minuti) quando inizio a parlare con una persona di allenamento muscolare.

Una volta per tutte: QUESTA DOMANDA NON HA SENSO.

L’unica risposta che si può dare è: DIPENDE!

Dipende, tra le altre, da una cosa in  particolare, cioè dalla metodologia di allenamento che stai utilizzando. Infatti, in alcuni casi, lo stesso gruppo muscolare può essere allenato in modo utile anche 3 o più volte a settimana (dipende dal livello di allenamento del soggetto). In altri casi può addirittura essere troppo anche 1 volta a settimana. Si, hai capito bene, può essere utile, in alcune fasi corrispondenti a precise tecniche di allenamento, allenare lo stesso muscolo anche una sola volta ogni circa 15 giorni.

Lo so, molti di voi sono rimasti spiazzati da questa cosa (mi capita spesso di vedere sguardi perplessi), ma è così. La risposta non me la sono inventata io, ma deriva dalla fisiologia.

All’origine tutto dipende dal tipo di stimolo muscolare che diamo al muscolo: quanto dura lo stimolo?, quale % di carico stiamo utilizzando?, quanto durano le pause?. Queste sono solo alcune tra le variabili principali da cui deriva una risposta corretta alla domanda iniziale.

Ora proviamo a scendere nel dettaglio e cercherò di darti qualche dritta che può guidare il tuo allenamento già da domani.

Hai presente quei “dolori” muscolari” che senti i giorni successivi al tuo allenamento? Tecnicamente si chiamano DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness), che possiamo tradurre come “indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata”. Dal momento in cui compaiono questi “dolori” nei giorni successivi al tuo allenamento, significa che stai utilizzando una metodologia che causa danni alla membrana delle cellule muscolari, scatenando così una risposta infiammatoria. Questa risposta infiammatoria porta alla formazione di prodotti di scarto del metabolismo, che rappresentano uno stimolo chimico sulle terminazioni nervose causando la sensazione di dolore. In questi casi è necessario concedere diversi giorni al tuo muscolo per rigenerarsi.

Al contrario, nelle fasi in cui si lavora ad esempio sulla “forza”, nei giorni successivi all’allenamento questi DOMS non si verificano. Stai lavorando con carichi alti (vicini al 100% del massimale) e pause di recupero molto lunghe. L’adattamento che stai ricercando è di tipo neuro-muscolare, migliorare la coordinazione intra e intermuscolare. In questo casi puoi allenare lo stesso muscolo più volte alla settimana, anzi, è proprio consigliato. Addirittura, per atleti evoluti, è possibile allenare lo stesso muscolo anche più volte al giorno.

Questi sono i due casi estremi. In realtà esistono tante altre situazioni particolari che sono da valutare caso per caso e in relazione al periodo di allenamento in cui ci si trova, ma questa è un’altra storia…

Se questo argomento ti è sconosciuto (o quasi), forse hai bisogno di una programmazione del tuo percorso di allenamento che sia in grado di sbloccare quella fase di BLOCCO in cui ti trovi in questo momento.

Vieni a scoprire CRESCITA MUSCOLARE:

===>>> vieni a scoprire cos’è Crescita Muscolare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *